Cocciniglia: i rimedi naturali per eliminarla | AllNewz.it
martedì , 18 dicembre 2018
Home / Casa e Ambiente / Cocciniglia: i rimedi naturali per eliminarla
cocciniglia

Cocciniglia: i rimedi naturali per eliminarla

Acerrima nemica di orti e giardini, la pericolosissima Cocciniglia, se non debellata in tempo può distruggere piante da fiore e ornamentali, ma anche arrecare ingenti danni ad orti e alberi da frutto.

Cosa è la cocciniglia

La Cocciniglia, il cui nome, in spagnolo ” cochinilla”, significa porcellino di terra, è un piccolo insetto che si nutre della linfa delle pianta che infesta e per questo viene detto “fitofago“. Si presenta come un minuscolo animaletto bianco dotato di corna e alette con corpo molle coperto da sostanze cerose o protetto da uno “scudo” rigido e gommoso. Le femmine, soprattutto se in procinto di deporre le uova, sono immobili, mentre i maschi forniti di ali, possono facilmente spostarsi da una pianta all’altra. Si depositano sulla parte inferiore delle foglie sulle quali è possibile scorgere piccole macchie. Purtroppo tendono a mimetizzarsi sulla pianta che infestano e per questo non è facile individuarle precocemente. La cocciniglia prolifera con il clima caldo e asciutto e durante le estati più secche e torride si possono avere vere e proprie emergenze di infestazioni. Inoltre, soprattutto gli insetti adulti, sono molto resistenti agli agenti esterni, sopravvivendo spesso anche all’azione degli insetticidi più comuni. La cocciniglia si nutre della linfa dolce della pianta e produce una sostanza zuccherina chiamata “melata” che attira altri insetti e funghi, che a loro volta provocano danni alla pianta. Anche le formiche sono attratte dalla melata; molto spesso ci si accorge che una pianta è infestata proprio grazie all’andirivieni delle formiche dalla pianta stessa.

Rimedi naturali per eliminare la cocciniglia

Prevenire le infestazioni di cocciniglia non è semplice, tuttavia, siccome la cocciniglia teme l’acqua e l’umidità, irrigare frequentemente e mantenere il terreno umido può aiutare a tenerle lontane. Nel caso però la pianta mostri la presenza di insetti si deve agire subito per limitare i danni. I normali antiparassitari esistenti in commercio sono nocivi per l’ambiente, quindi è un’ottima soluzione adottare rimedi naturali. Per prima cosa, bisogna allontanare la pianta malata dalle altre, per evitare il “contagio”, poi munirsi di guanti e provare a staccare gli insetti con le mani, provvedendo poi a passare un batuffolo di ovatta intrisa di alcool per evitare una nuova epidemia. In alcuni casi può rendersi necessaria anche una potatura, i rami tagliati andranno poi bruciati per assicurarsi che tutti gli insetti siano morti. Tra i rimedi naturali si può ricorrere a soluzioni casalinghe che prevedono una mistura di acqua fredda e sapone di Marsiglia, nella proporzione di un litro d’acqua per 20, 30 grammi di scaglie di sapone. In alternativa è possibile diluire in un litro di acqua 4 cucchiai di Propoli o 30, 40 gocce di Tea Tre Oil. Il trattamento prevede l’irrorazione della pianta a giorni alterni nelle ore più fresche della giornata fino alla completa sparizione dell’insetto che muore per soffocamento. Altri rimedi “della nonna” consigliano di effettuare decotti di aglio con i quali spalmare la pianta, o di piantare, a ridosso della stessa, bulbi di aglio già spigato. Quest’ultimo intervento è particolarmente indicato per le piante di rose ed alcuni alberi da frutto.

Check Also

calla

Calla selvatica: come coltivarla

La diffusa calla ha anche una variante selvatica appartenente alla famiglia delle Araceae. Si tratta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *