Le detrazioni fiscali per montascale, servoscale e piattaforme elevatrici | AllNewz.it
venerdì , 20 luglio 2018
Home / Economia e Fisco / Le detrazioni fiscali per montascale, servoscale e piattaforme elevatrici
montascale

Le detrazioni fiscali per montascale, servoscale e piattaforme elevatrici

Specie quando è presente un disabile o un anziano all’interno della casa, è necessario dotarsi di tutti i mezzi idonei a facilitare i suoi movimenti o spostamenti, in modo tale da renderlo il più possibile autonomo e autosufficiente. Questi strumenti hanno spesso un costo elevato di mercato, ma la legge consente fortunatamente di ottenere una detrazione fiscale per tutte le spese sostenute relative all’installazione degli impianti, incentivando così l’acquisto di tutti i mezzi utili ad aumentare il comfort e il benessere di tutti coloro che si dotano di montascale, servoscale o piattaforme elevatrici.

Ma come ottenere la detrazione? Qual è la procedura corretta da seguire prima di acquistare questi apparecchi? Ecco tutte le informazioni utili da tenere a mente per poter godere di tutti i benefici che la legge ci mette a disposizione.

Montascale, servoscale e piattaforme elevatrici: tutti i modelli

I montascale o servoscale sono strumenti ideali per l’eliminazione delle barriere architettoniche e permettono a disabili e anziani di potersi muovere autonomamente non solo all’interno della propria casa, ma anche in uffici pubblici e negozi.

I montascale sono disponibili in vari modelli, con pedana dritta o curva ed ancora utilizzabili per la carrozzina. In commercio si trovano anche montascale con una comoda poltroncina incorporata.

Le piattaforme elevatrici hanno la funzione di permettere il movimento libero tra i vari ambienti della casa, quando posta su più livelli, e ne esistono di varie tipologia tra cui quelli a movimento verticale, a testata ridotta e a pantografo. Utili non solo a persone disabili e con mobilità ridotta, ma anche per agevolare gli spostamenti e il superamento di dislivelli verticali. Possono essere montati sia in ambienti interni che esterni, coprendo dislivelli dai 3 ai 15 metri circa.

Si tratta di apparecchiature destinate sia all’uso residenziale che pubblico.

Detrazione fiscale per il 2018 al 50%

Il decreto legge n.ro 83 del 2012 ha stabilito che è possibile detrarre fino al 50% tutte le spese derivanti dall’acquisto di montascale o servoscale e di piattaforme elevatrici. Questa detrazione consentita sull’IRPEF permette di ottenere una rilevante agevolazione relativa a tutti i costi comprensivi di IVA sostenuti per l’acquisto e il servizio di installazione del macchinario in casa.

Chi può usufruirne? Possono usufruire di tale vantaggio tutti coloro che sono assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche o che hanno la titolarità di diritti reali su immobili interessati a questo tipo di interventi. Qualora non si tratti del proprietario o del titolare di un diritto reale, ma di un acquirente che abbia stipulato un contratto preliminare di vendita, questo ha diritto alla detrazione se ha già ricevuto il possesso dell’immobile.

Più nel dettaglio possono usufruire delle agevolazioni fiscali:

  • il proprietario;
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • chi occupa l’immobile a titolo di locazione o comodato;
  • il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’ intervento (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) a patto che sostenga tutte le spese e che le fatture e i bonifici siano intestati a lui.

Come ottenere la detrazione

Per ottenere il beneficio della detrazione fiscale occorre effettuare il pagamento del macchinario esclusivamente tramite bonifico bancario o postale utilizzando il relativo bollettino da cui devono necessariamente risultare elementi quali la causale del versamento, il codice fiscale di chi paga e quello del beneficiario del pagamento. Ogni ricevuta e fattura relativa alla realizzazione dei lavori va accuratamente conservata in quanto può essere richiesta l’esibizione da parte degli uffici finanziari.

Nel caso in cui la detrazione sia richiesta da un condominio occorre specificare il codice fiscale del condominio e quello dell’amministratore.

La detrazione viene ripartita in dieci quote annuali costanti e del medesimo importo nel corso dell’anno in cui sono state sostenute le spese di acquisto e in quelli successivi. Se ad esempio la spesa è stata sostenuta nel 2017, inizierà a essere portata in detrazione nella “Dichiarazione dei Redditi 2017” che va presentata l’anno successivo.

È ammessa inoltre una detrazione del 19% sui costi sostenuti per acquistare i mezzi necessari al sollevamento di disabili così come specificato dall’articolo 3 della legge n.ro 104/92 e che possiedono dunque un valido riconoscimento di disabilità rilasciato dalla Commissione medica prevista dalla stessa norma. La procedura per ottenere questo vantaggio fiscale consta di pochi e semplici passaggi rendendo semplice e veloce l’accesso a chiunque voglia beneficiarne per scopi di natura assistenziale o derivanti da altre esigenze. Con la presentazione della domanda si avvierà la successiva fase di verifica e approvazione dopo il quale sarà possibile ottenere questo importante vantaggio.

Il mondo relativo alle agevolazioni per persone disabili e per l’abbattimento delle barriere architettoniche è molto ampio e ben articolato. Per maggiori dettagli sulle agevolazioni fiscali 2018, ti invitiamo a leggere questo articolo di approfondimento: https://www.guidafisco.it/agevolazioni-fiscali-disabili-legge-104-683

Check Also

luce

Come risparmiare sulla bolletta della luce

Risparmiare sulla bolletta della luce rappresenta una missione che molti vorrebbero completare con un risultato ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *