venerdì , 28 aprile 2017
Home / Economia e Fisco / Sterlina inglese: tutto quello che c’è da sapere prima di un viaggio
sterlina

Sterlina inglese: tutto quello che c’è da sapere prima di un viaggio

Se avete in programma un viaggio in Inghilterra, è bene partire con tutte le informazioni possibili sulla moneta locale, la Sterlina inglese (British Pound), in modo da non farvi cogliere impreparati da problemi con il cambio e per essere pronti a qualsiasi evenienza.

Il cambio Euro/Sterlina inglese varia ogni giorno, ma è resta sempre abbastanza stabile. Per poter quindi facilitare i conti, tenete presente che, all’incirca, 1 sterlina vale 1,2 euro. 5 Pounds sono quindi 6 Euro, 10 equivalgono a 12 Euro, e così via. Occhio alle monete: il taglio più piccolo, da 1 Penny, corrisponde a 12 centesimi, e così a salire fino alla moneta da 50 Pence.

Dovete inoltre stare attenti al gergo locale e al modo in cui gli inglesi fanno riferimento alla loro moneta. I britannici sono soliti dire “pee” invece di pence. In gergo colloquiale, la moneta da un pound viene chiamata “quid”, la banconota da cinque sterline “fiver” e quella da dieci “tenner”.

Ad ogni modo, una volta “sbarcati”, potrete rivolgervi a un cambiavalute. A Londra e nelle maggiori città inglesi esistono numerosi uffici per il cambio, spesso ubicati all’interno di banche, agenzie di viaggio o uffici postali, ma anche negli aeroporti e nelle principali stazioni ferroviarie.

Se si vuole trovare l’offerta migliore, vale la pena visitare più uffici e confrontare i tassi di cambio, senza mai dimenticare di farsi specificare il prezzo della commissione. In questo senso, è consigliabile chiedere quante sterline si riceveranno in totale, una volta dedotte tutte le spese.

Le carte di credito, soprattutto Visa e Mastercard, sono accettate nella maggior parte dei ristoranti, bar, caffè e negozi di Londra. Le carte American Express e Diners Club non sono invece così diffuse.

In tutta la città sono presenti numerosi bancomat (ATM). La maggior parte di essi accetta carte internazionali con il simbolo Visa, Plus, Mastercard, Cirrus o Maestro. Sono riconosciuti anche altri circuiti, ma è buona norma informarsi presso la propria banca o la società fornitrice della carta di credito, prima della partenza.

Se possedete un conto corrente con una banca non britannica, vi sarà sicuramente addebitata una commissione a ogni prelievo. Anche in questo caso, vi consigliamo di chiedere maggiori informazioni alla vostra banca prima di intraprendere il viaggio.

Anche alcuni negozi e piccoli supermercati dispongono di bancomat. Informatevi prima di utilizzarli, poiché potrebbero addebitarvi una commissione su ogni prelievo. Presso molti bancomat è anche possibile ricaricare il credito del proprio cellulare.

Check Also

gestione patrimoniale

Che cos’è la gestione patrimoniale?

Quando parliamo di gestione patrimoniale ci riferiamo alla licenza data ad un intermediario finanziario, nella ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *