Vita da freelance: essere produttivi e meno distratti | AllNewz.it
martedì , 23 ottobre 2018
Home / Lavoro / Vita da freelance: essere produttivi e meno distratti
vita da freelance

Vita da freelance: essere produttivi e meno distratti

Chi lavora come freelance si trova a gestire in proprio il suo tempo e a svolgere tutti i suoi progetti cercando di mantenere la massima produttività. Questo non sempre è facile. Sono, infatti, tantissime le distrazioni che interferiscono con la dinamica del vostro lavoro facendovi perdere o del tempo prezioso o l’equilibrio perfetto tra lavoro e vita privata.
Vi proponiamo cinque suggerimenti e consigli per migliorare la capacità di concentrazione e la produttività nel vostro lavoro.

Organizzare gli obiettivi con anticipo

I freelance hanno solitamente uno oppure più progetti su cui lavorare entro una scadenza concordata con i clienti.
Nella gestione giornaliera di ogni progetto si possono però incontrare distrazioni di ogni tipo. Chi vi aiuta, per esempio, a non perdere tempo navigando sul web oppure sui social media?
Il primo consiglio che vi diamo è, allora, quello di stilare ogni sera, poco prima di andare a dormire, un elenco dettagliato e preciso degli obbiettivi che volete porvi per il giorno successivo. In tal modo si ottengono infatti due risultati. Da un lato, il vostro cervello durante il sonno rimane in un certo senso focalizzato e concentrato sul programma del giorno dopo. Dall’altro lato, poi nella giornata successiva avete ben chiaro quali sono le cose di cui dovete occuparvi e potete avere un approccio più orientato all’efficienza.

Programmare regolari incontri di networking

Quando si lavora da soli nel vostro luogo di lavoro manca l’interazione sociale con persone che operano nello stesso settore.
Il confronto e il dialogo con chi lavora nel vostro ambito sono essenziali.
Non solo stimolano la vostra creatività e la competitività ma aiutano la vostra mente a concentrarsi meglio sugli obiettivi di breve e lungo periodo.
Proprio per questo il nostro secondo suggerimento è quello di organizzare con una certa costanza degli eventi per il networking. Si può trattare di pranzi con colleghi che conoscete oppure di eventi aperti a chi lavora in quel settore. Non solo vi farete conoscere e rispettare ma potrete trarre dagli altri insegnamenti preziosi.

Creare un programma giornaliero sostenibile

Sicuramente se applicate il nostro primo consiglio ma realizzate un elenco degli obiettivi giornalieri irrealizzabile i benefici saranno ben pochi. Ci saranno giorni in cui i vostri livelli di energia sono più bassi e porvi compiti troppo complessi o lunghi potrebbe infatti avere un effetto controproducente.
Pertanto il nostro terzo consiglio è quello di programmare magari un compito più semplice e leggero solo per alcune ore della giornata, lasciandovi poi maggiore libertà nelle altre.
In questo modo potrete sperimentare un’organizzazione non solo flessibile ma anche efficace e orientata al risultato.

Avere sistemi di responsabilizzazione e controllo esterno

I freelance si trovano nella maggior parte dei casi a dover mettere in pratica il c.d. “controllo interno”. Ciò significa che non solo devono prendere le decisioni organizzative e svolgere in concreto ogni progetto ma devono effettuare anche il controllo su sé stessi e sul proprio lavoro.
Questa concentrazione delle responsabilità potrebbe però diventare a tratti un po’ troppo faticosa da gestire. Per questo vi diamo come quarto suggerimento quello di incaricare una persona esterna di verificare giorno per giorno oppure di settimana in settimana come gestite il tempo e a che punto siete con ogni progetto. Potete sia assumere un life-coach che chiedere ad una persona di fiducia di svolgere questo compito. La scelta di avere questo controllo esterno può poi anche non essere definitiva ma applicata solo in momenti veramente impegnativi in cui sentite che può esservi utile.

Prendersi del tempo per il relax

Essere freelance produttivi significa avere un equilibrio ottimo tra lavoro e vita privata, intesa come i momenti che dedicate a voi stessi.
Il nostro quinto ed ultimo consiglio allora è quello di programmare ogni giorno un momento, più o meno lungo a seconda dei casi, da dedicare solo a voi e al vostro riposo. Prendetevi una pausa lavorativa oppure cambiate luogo di lavoro. Come indica il portale zainoportapc.info ci sono mille zainetti per trasportare in sicurezza il principale strumento di lavoro. Provate a cambiare luogo ogni tanto, i coworking possono essere una soluzione perfetta per vivere la giornata circondati da professionisti del vostro calibro. Potete respirare un’aria diversa ed elaborare nuove idee o nuovi progetti relazionandovi con nuove persone.

Check Also

borsa meister

Vita da ufficio: accessori e borse all’insegna del lusso e della funzionalità

Quando si deve scegliere una borsa da ufficio spesso ci si trova di fronte a ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *