Elio e 12 TB di capienza, ecco il nuovo modello della Western Digital Corp | AllNewz.it
giovedì , 14 dicembre 2017
Home / Web e tecnologia / Elio e 12 TB di capienza, ecco il nuovo modello della Western Digital Corp
hard disk 12 tera

Elio e 12 TB di capienza, ecco il nuovo modello della Western Digital Corp

Dopo mesi di attese e annunci, arriva finalmente il primo modello di hard disk da 12 TB di capienza e riempito a elio di casa Western Digital, per la verità lanciato attraverso la controllata HGST: dati da record per quello che ambisce a essere un disco fisso memorabile.

Un hard disk speciale. Se ne parlava già sul finire dello scorso anno, ma adesso l’attesa sembra finita: HGST, società di proprietà di Western Digital, ha infatti annunciato ufficialmente il lancio in commercio di un modello speciale di hard disk, caratterizzato da una capienza monstre di 12 GB e per l’impiego dell’elio per separare i vari piatto del disco.

Meno ingombro, più capienza. Come spiegato nel comunicato di presentazione dell’azienda, questo gas consente vari benefici rispetto alla tradizionale aria: innanzitutto, consente di ridurre notevolmente l’energia necessaria ad azionare i sistemi meccanici interni al disco fisso, e in seconda analisi permette anche di avvicinare i piatti, riducendo così gli ingombri fisici e, allo stesso tempo, aumentando le possibilità di memorizzazione finale dell’hard disk.

Le tracce accavallate. Il modello di punta di casa HGST è inoltre dotato della tecnologia SMR (Shingled Magnetic Recording), per la verità già adottata anche dalla storica rivale Seagate, che consente di posizionare le tracce in modo parzialmente sovrapposto a quelle vicine senza introdurre alcuna corruzione dei dati. Questa sorta di “accavallamento” delle tracce permette di stipare, nello stesso spazio fisico, un quantitativo maggiore di dati, valutato tra il 25 e il 100 per cento in più.

Stessa sicurezza. In pratica, gli elementi che leggono le tracce sono di dimensioni inferiori rispetto ai componenti incaricati delle operazioni di scrittura, e dunque in lettura si possono leggere tracce di dimensioni minori. Come detto, portando questa intuizione nell’applicazione pratica si è deciso di sovrapporre le tracce per aumentare lo spazio di conservazione dei dati, ridimensionando la componente della testina che effettua la lettura senza rischiare di compromettere l’integrità dei dati. 

Garanzia di 5 anni. Non a caso, a riprova della affidabilità raggiunta dai sistemi HGST, il nuovo modello di hard disk a elio Ultrastar He12 dispone di una garanzia di ben cinque anni e consente di trasferire dati fino a 255 MB/s, con piatti che ruotano a 7200 RPM. D’altronde, la stessa azienda si conferma sempre ai vertici delle classifiche di sicurezza e funzionalità relative ai produttori di hard disk, con bassi tassi di malfunzionamenti e guasti.

Correggere gli errori. Questo ovviamente non significa che i sistemi siano completamente a prova di errore, perché sia sul fronte software che su quello hardware i problemi possono essere dietro l’angolo; in questi casi, oltre a una attenzione in via preventiva, esistono anche dei rimedi “a danno avvenuto“, che però devono essere affidati solo alle mani di esperti. È il caso di recoveryfile.it e delle sue strategie per recuperare dati da disco fisso, che rappresentano una positiva ancora di salvezza nei casi più gravi relativi ai guasti degli hard disk.

Risparmio nei consumi. Tornando poi all’attesa novità della HGST, bisogna anche sottolineare altre caratteristiche davvero interessanti, come la riduzione dei consumi consentita dall’utilizzo dell’elio (che secondo le stime del produttore dovrebbero attestarsi intorno ai 7,2 W e i 5,3 W in condizione di standby), con un risparmio che per i tecnici americani si dovrebbe aggirare intorno al 54 per cento rispetto ai dischi tradizionali.

Il costo finale. Inoltre, ci sono anche funzionalità aggiuntive a disposizione, come la possibilità di richiedere la cifratura automatica dei dati in hardware, che si accompagnano alle tecnologie Instant Secure Erase e Self-Encrypting Drive, con un quantitativo di cache di ben 256MB. A ben vedere, forse l’unica nota stonata è quella relativa al prezzo, che si preannuncia piuttosto salato, anche se “giustificato” da quanto scritto: l’Ultrastar He12 costerà infatti tra i 600 e i 700 dollari.

Check Also

ecommerce

Come aumentare le vendite di un e-commerce

I negozi online sono la nuova frontiera del commercio, permettono costi limitati del personale e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *